Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito usa COOKIES per gestire il login, la navigazione, le preferenze ed altre funzioni. Tali COOKIES possono essere gestiti anche da terze parti e non dal sito in se (Es. Facebook, Google, Ecc..). Per navigare correttamente nel nostro sito, dovrai accettare la memorizzazione di tali COOKIES sul tuo dispositivo."

    Leggi i documenti e-Privacy Directive

Chi Siamo

Associazione Italiana contro le Leucemie-linfomi e mieloma- è stata fondata l’8 Aprile 1969 a Roma dal Prof. Mandelli. Giuridicamente è una associazione di associazioni, in quanto le sezioni Provinciali hanno piena autonomia giuridica, patrimoniale ed economico finanziaria.

Le sezioni provinciali sono riconosciute dall’Ail Nazionale sulla base del possesso di determinati requisiti e si obbligano al rispetto di regole condivise, tra cui in primis la partecipazione alla stessa mission che consiste principalmente nel promuovere lo sviluppo, la diffusione, l’erogazione di fondi a favore delle ricerche scientifiche nel campo delle leucemie e delle emopatie nel favorire il miglioramento dei servizi e dell’assistenza socio sanitaria in favore dei suddetti malati e delle loro famiglie.

L’AIL di Potenza è sorta nel dicembre del 1995 grazie alla volontà inesauribile del Dott. Francesco Ricciuti, fondatore anche dell’Ematologia lucana, che ha riunito un gruppo di amici ed ha dato vita alla prima sezione dell’Ail della Basilicata. È una realtà abbastanza giovane direttamente legata a due giovani: Samuele Padula di Sarconi e Francesco Pepe di Sasso di Castalda.

Samuele Padula aveva raccolto spontaneamente alcuni fondi per la lotta contro la leucemia. Purtroppo è deceduto prematuramente prima di discutere la sua tesi di laurea in architettura presso l’Università di Firenze che poi gli ha conferito la laurea alla memoria. Prima di morire, Samuele, aveva espresso la volontà che quei fondi fossero destinati alla nascita dell’AIL nella provincia di Potenza. La nostra Associazione ne raccoglieva il testimone e dava così inizio alla sua attività.

Francesco Pepe era un valoroso giovane avvocato, che aveva lottato benché gravemente ammalato, incoraggiando tutti a proseguire la lotta per sconfiggere questa malattia. È sintomatico quanto scriveva: “È troppo presto... ho una gran voglia di vivere...anche per aiutare gli altri.”  

In quindici anni le attività principali attività sono state e sono le seguenti:

  • Raccolta fondi con le manifestazioni più importanti delle stelle di Natale e le uova di Pasqua in tutti i paesi della provincia e nella città di Potenza
  • Supporto alla ricerca, essenzialmente destinando finanziamenti alla fondazione GIMEMA
  • Realizzazione dell’assistenza domiciliare
  • Ricerca finanziata in sede locale (borse di studio, contratti di collaborazione, finanziamento scuole di specializzazione per medici ecc. )
  • Servizi socio- assistenziali rivolti ai pazienti ed alle loro famiglie
  • Realizzazione e gestione della casa Ail, che è sita nei pressi dell’Ospedale San Carlo di Potenza , dove sono ospitati gratuitamente i famigliari dei pazienti fuori sede che ne facciano richiesta
  • Supporto alla struttura ospedaliera di Ematologia dell’Azienda ospedaliera San Carlo, dell’hospice della stessa e dell’IRCCS di Rionero

 

Un volontario Ail:

"Si vince solo sommando le forze di tutti"

Ultimi Video

Rivivi le emozioni...

Franco Mandelli

Ho sognato un mondo senza cancro